Green Pass anche dal barbiere e dall’estetista: ecco da quando

Green Pass anche dal barbiere e dall’estetista: ecco da quando

Al momento la durata delle certificazioni verdi Covid da avvenuta vaccinazione è di 9 mesi, ma lo resterà ancora per poco


ITALIA – A partire dal giorno 20 gennaio 2022 l’obbligo del green pass riguarderà ufficialmente in Italia anche i cosiddetti “servizi alla persona”. Da giovedì, dunque, per accedere in un salone di parrucchiere, oppure dal proprio barbiere di fiducia, o anche recarsi presso un centro estetico e farsi la ceretta, sarà necessario avere con sé la certificazione verde “base”, ovvero quella rilasciata a chi sia guarito da Covid-19, oppure si sia vaccinato, o eventualmente abbia ottenuto un tampone con esito negativo. È infatti quanto previsto dal decreto-legge 7 gennaio 2022, n. 1, là dove al suo art. 3 comma 1 viene fissato il calendario della progressiva estensione del campo di applicazione delle certificazioni verdi e, in questo caso specifico, del cosiddetto green pass “base”. Sempre dal 20 gennaio, inoltre, è previsto che l’obbligo di esibire all’accesso il certificato verde semplice sia esteso anche a quanti abbiano necessità di svolgere colloqui visivi in presenza con i detenuti e gli internati. Al momento la durata delle certificazioni verdi Covid da avvenuta vaccinazione è di 9 mesi, ma lo resterà ancora per poco. Infatti, a far data dal prossimo 1 febbraio 2022 tale durata si ridurrà effettivamente a soli 6 mesi e, pertanto, chiunque abbia completato il proprio ciclo primario di vaccinazione da un arco di tempo superiore vedrà scadere il suo super green pass. Naturalmente, è sufficiente eseguire la dose di richiamo booster, la cosiddetta “terza dose”, per ottenere un nuovo super green pass che duri altri 6 mesi a partire dal giorno della somministrazione.