Scandalo nell’Hub vaccinale a Napoli: false vaccinazioni ai no vax in cambio di 150€, 2 arresti

Scandalo nell’Hub vaccinale a Napoli: false vaccinazioni ai no vax in cambio di 150€, 2 arresti

Lo hanno fatto 30 volte, in 14 casi con soggetti con obbligo di vaccino


NAPOLI – Scandalo nell’Asl Napoli 1 Centro. Due dipendenti per 150 euro fingevano di vaccinare e gettavano il vaccino in un batuffolo per consentire ai novax di ottenere il green pass. Sono stati arrestati dai Nas su delega della Procura di Napoli. Si tratterebbe di un infermiere professionale e un operatore socio sanitario, entrambi impiegati in un hub vaccinale di Napoli. Lo hanno fatto 30 volte, in 14 casi con soggetti con obbligo di vaccino.

Chi sono gli arrestati

I due sanitari tratti in arresto sono Di Girolamo Giuliano (42enne di Giugliano ma residente a Mugnano) e Cirillo Rosario di Mugnano.

Il comunicato dai N.A.S.

Per delega del Procuratore della Repubblica si comunica che, al termine di una complessa attività investigativa coordinata dalla Sezione Seconda della Procura della Repubblica di Napoli, i militari del N.A.S. di Napoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere e del divieto di espatrio, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari nei confronti di due dipendenti dell’ASL Napoli 1 gravemente indiziati, in concorso tra loro, dei reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, peculato e falso in atto pubblico.

In particolare gli indagati, nelle loro rispettive qualità di infermiere professionale addetto all’effettuazione delle vaccinazioni presso un HUB vaccinale di Napoli e di operatore socio sanitario, avrebbero posto in essere una serie di condotte criminose, consistite, da parte dall’infermiere, nel simulare l’inoculazione del siero vaccinale COVID – 19 nei confronti di oltre trenta persone, reclutate dall’altro indagato, previa consegna di danaro pari ad euro centocinquanta (150,00) per ciascuna della vaccinazioni simulate.

Le dosi di vaccino sarebbero state disperse in un batuffolo di ovatta, utilizzato per simulare l’inoculazione. In seguito alla presunta falsa attestazione di avvenuta vaccinazione, i pazienti avrebbero ottenuto, pur non avendo titolo, la “certificazione verde anti – SARS – COV-2”. Le indagini hanno inoltre evidenziato che quattordici soggetti, cui sarebbe stato falsamente inoculato il vaccino, risultano appartenere a categorie di lavoratori per le quali è previsto l’obbligo di vaccinazione al fine di ottenere il rilascio del cd. Green Pass e proseguire nello svolgimento delle rispettive mansioni.