Tragedia a Napoli: Claudio, noto allenatore di giovani velisti, muore improvvisamente a 47 anni

Tragedia a Napoli: Claudio, noto allenatore di giovani velisti, muore improvvisamente a 47 anni

L’uomo si era accasciato durante l’incontro di fine giornata che stava tenendo, in hotel, con i suoi atleti. Tra i primi a soccorrere lo sfortunato sportivo è stato suo fratello


NAPOLI/VERONE – Il mondo della vela e tutta Brenzone, nel veronese, sono in lutto per la scomparsa di Claudio Brighenti, 47 anni, allenatore di fama internazionale di giovanissimi atleti. Brighenti era perito informatico, aveva il brevetto di istruttore rilasciato dalla Federazione italiana vela e di istruttore internazionale per derive e catamarani, è stato vittima di un malore fulminante a Napoli, mercoledì sera. Brighenti si è accasciato durante l’incontro di fine giornata che stava tenendo, in hotel, con i suoi atleti. Tra i primi a soccorrere lo sfortunato sportivo è stato suo fratello Ivano Brighenti, vicesindaco di Brenzone e pure lui velista. Il presidente della Fiv, Francesco Ettorre, presente a Napoli per l’occasione e il presidente del Reale yacht club Canottieri Savoia, Fabrizio Cattaneo della Volta, hanno dichiarato il lutto nella vela, chiudendo con un giorno di anticipo il Trofeo Campobasso.

Non si sono svolte le prove previste per giovedì 6 gennaio e la premiazione. Una cerimonia di commiato, alle 10 di ieri sulla banchina del Circolo Savoia, ha chiuso idealmente la manifestazione. A margine della stessa cerimonia, i presidenti Ettorre e Cattaneo della Volta, dopo un minuto di silenzio, hanno chiamato i vincitori della ventottesima edizione del Trofeo Campobasso per la consegna dei trofei, avvenuta senza festeggiamenti né applausi.

In gara a Napoli c’erano anche il figlio di Claudio Brighenti Adam e suo cuginetto Arthur, coetaneo e figlio di Ivano Brighenti. Entrambi i ragazzi sono atleti del Circolo nautico Brenzone. Claudio Brighenti, allenatore di vela da oltre vent’ anni, era tra massimi esperti di vela giovanile al mondo. Gli atleti che ha allenato hanno conquistato titoli mondiali ed europei. Tra i suoi allievi Ylena Carcasole campionessa europea Optimist, attualmente coachi della squadra Optimist della Fraglia vela Malcesine, la melsinea Mara Trimelloni prima al Campionato del Mediterraneo Optimist, Giulia Conti atleta olimpica e plurititolata , Giuseppe Angilella atleta olimpico con il 49er, Luca Bursic campione mondiale Optimist e 420, il «brensonal» Matteo Pilati plurivincitore della Centomiglia e di un gran numero di competizioni nella classi Optimist, ora coach, Alessandra Dubbini atleta della Nazionale con il 470, Leonardo Stocchero e Gianluca Virgenti campioni mondiali Rs Feva. Molti altri giovani atleti sono stati allievi di Brighenti che amava ricordare: «Mi fa piacere sapere che molti miei ex allievi navigano con costanza e tanti di loro sono stimati professionisti o allenatori». La salma di Claudio Brighenti ritornerà a Brenzone nella giornata di domani. Le esequie si celebreranno domani alle 10.30 nella chiesa di Castello di Brenzone.

FONTE: BRESCIAOGGI.IT