Tragico incidente stradale: morte 2 cugine di 20 e 26 anni, grave una neonata

Tragico incidente stradale: morte 2 cugine di 20 e 26 anni, grave una neonata

La loro Fiat Panda è stata urtata violentemente da un Land Rover, alla cui guida c’era un uomo che poi è fuggito


AZZANO DECIMO (PORDENONE) – Stavano rientrando a casa dopo aver trascorso una domenica insieme. La gita  si è trasformata in tragedia quando alle 19.40 del 30 gennaio in A28, tra Villotta ed Azzano Decimo, un incidente stradale è costato la vita a due cugine trevigiane che viaggiavano sulla stessa auto. Dietro, sui sedili posteriori, c’erano due sorelline di 2 anni e mezzo e di pochi mesi. Entrambe sono ferite gravi, ma non sarebbero in pericolo di vita.

La loro Fiat Panda  stava procedendo da Villotta verso Conegliano quando è stata urtata violentemente da un Land Rover, alla cui guida c’era un bulgaro residente a Pordenone poi fuggito. La dinamica dell’incidente è in corso di accertamento da parte della Polstrada di Pordenone, agli ordini del comandante Guglielmo Bavaresco.

La Land Rover avrebbe prima tamponato una Fiat 500, sulla quale viaggiavano i genitori della 25enne rimasta vittima, e, con il veicolo ormai fuori controllo, si sarebbe poi schiantato contro la Panda che li precedeva. L’urto è stato tremendo. Il Defender è finito ruote all’aria in mezzo alla carreggiata, ma il conducente, seppure ferito, è riuscito a dileguarsi tra i campi (è stato poi rintracciato dai poliziotti che, su disposizione del magistrato di turno, hanno dichiarato il suo fermo e quindi l’arresto per omicidio stradale plurimo), l’utilitaria è andata completamente distrutta.

LE VITTIME

Conducente e passeggera erano già morte all’arrivo dei soccorritori del 118: si tratta di Jessica Fragasso, 20 anni, residente a Mareno di Piave, e Sara Rizzotto, 26 anni, di Conegliano. Il personale medico ed infermieristico, giunto sul posto con ambulanze fatte partire dagli ospedali di Pordenone, San Vito al Tagliamento e Portogruaro, ha tentato di rianimarle ma non c’era più nulla da fare. Per liberare i loro corpi è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco di San Vito e Pordenone che, con l’aiuto di pinze oleodinamiche e divaricatori, sono riusciti a tagliare il tettuccio della macchina e le portiere. Sul sedile posteriore c’erano due bambine piccole. Entrambe, prima di essere trasferite all’ospedale di Pordenone, hanno ricevuto le prime cure sul posto. Una è in condizioni serie. Attivato, vista la gravità dell’incidente, anche l’elisoccorso: decollato dall’elipiazzola di Campoformido, è atterrato ad Azzano Decimo. L’equipe è stata successivamente trasferita con un’ambulanza sul luogo del sinistro.

Sotto shock gli occupanti della Fiat 500, che hanno visto tutta la scena. Per calmarli è stato necessario l’intervento degli agenti della Polizia stradale e del personale del 118. Entrambi sono stati poi trasferiti all’ospedale per accertamenti. Nel frattempo erano scattate immediatamente le ricerche dell’automobilista che avrebbe causato il sinistro. L’uomo, seppure contuso, è riuscito a scappare saltando la rete che divide l’autostrada dalla vicina campagna. La sua fuga è durata poco: gli agenti, che nel frattempo avevano raccolto tutta una serie di indizi sul suo conto, lo hanno bloccato non molto distante dal luogo dove si era verificato l’incidente mortale.

AUTOSTRADA CHIUSA

Secondo la ricostruzione della Polstrada, il  bulgaro stava percorrendo l’A28 a forte velocità quando ha prima urtato la Fiat 500 e, con il veicolo ormai fuori controllo, ha centrato in pieno la Panda riducendola in un ammasso di lamiere. Il tratto autostradale tra Villotta e Azzano Decimo in direzione Conegliano è stato immediatamente chiuso. Anche lo svincolo di Villotta è stato interdetto alla circolazione da parte del personale di Autovie Venete. La situazione è tornata alla normalità dopo la mezzanotte, quando i rilievi sono terminati e i tre veicoli incidentati sono stati rimossi dalla sede stradale.

FONTE: ILGAZZETTINO.IT