Assurdo nel casertano, poliziotto prende servizio e porta in carcere un etto di hashish

Assurdo nel casertano, poliziotto prende servizio e porta in carcere un etto di hashish

L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione


SANTA MARIA CAPUA VETERE –  Nella tarda serata del 4 aprile 2022, personale del Nucleo Investigativo Centrale del Corpo di Polizia penitenziaria, unitamente al personale del Comando del Reparto della Casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, hanno tratto in arresto, in stato di flagranza, l’agente di Polizia penitenziaria T.A. di anni 32, per i delitti di cui agli artt. 73, 80 co. 2 lett. “G” del D.P.R. 309/1990 e all’art. 319 c.p.

L’agente è stato arrestato all’interno dell’istituto penitenziario sammaritano, all’atto di prendere servizio, intento ad introdurre circa 100 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish per la cui consegna aveva già ottenuto il pagamento – fuori dalla struttura carceraria e quale prezzo del proprio atto contrario ai doveri d’ufficio – di una rilevante somma di denaro, rinvenuta poi all’interno della sua autovettura.

L’arrestato, da ritenersi innocente fino a sentenza irrevocabile, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, a disposizione dell’A.G. ed in attesa dell’udienza di Convalida innanzi al Gip, come riporta Edizione Caserta.