Cadavere carbonizzato in un campo nel Napoletano: Antonio voleva 300mila euro per scappare in Asia

Cadavere carbonizzato in un campo nel Napoletano: Antonio voleva 300mila euro per scappare in Asia

LETTERE – Antonio voleva Trecentomila euro dall’assicurazione per scappare in Asia. ma il fratello Domenico si era opposto a questa richiesta  ed


LETTERE – Antonio voleva Trecentomila euro dall’assicurazione per scappare in Asia. ma il fratello Domenico si era opposto a questa richiesta  ed è stato bruciato vivo. Il corpo di Domenico   Martone, operaio di 33 anni,  è stato trovato carbonizzato scorso nelle campagne di Lettere. Ieri i carabinieri hanno eseguito il fermo del fratello, Antonio Martone: il 36enne è accusato di omicidio premeditato, con l’aggravante della crudeltà e di avere ucciso un familiare stretto. Dietro ci sarebbe il più classico dei moventi per gli omicidi in famiglia: i soldi.

L’OMICIDIO DI DOMENICO MARTONE PER I SOLDI DELL’ASSICURAZIONE

I carabinieri hanno acquisito le registrazioni di alcune videocamere di sorveglianza della zona e hanno scoperto che, in quelle ore, vicino a quel terreno era passato anche Antonio Martone. Marittimo di 36 anni, fratello della vittima, che di recente era tornato a vivere coi genitori ad Angri, in provincia di Salerno, a una ventina di minuti da Lettere. Ed è saltata fuori la storia dell’assicurazione, che Domenico aveva stipulato un anno prima e proprio su impulso del fratello: un premio da circa 300mila euro, che avrebbe incassato Antonio Martone.

Come l’uomo pensasse di potere mettere le mani su quei soldi resta ancora un mistero. Ma la prospettiva, per quanto remota, sarebbe stata sufficiente. Omicidio premeditato, ritengono gli inquirenti. Avrebbe portato il fratello in quel terreno, lo avrebbe tramortito e avrebbe incendiato il corpo. Lo avrebbe fatto mentre Domenico era ancora vivo: durante l’autopsia i medici hanno appurato che i suoi polmoni erano pieni di fumo, respirava ancora quando è stato avvolto dalle fiamme. Il fermo è scattato ieri, per il pericolo di fuga: Antonio Martone sarebbe stato in procinto di scappare in Asia, per raggiungere la donna con cui ha una relazione e dove avrebbe voluto ricostruirsi una vita.

LEGGI ANCHE

Cadavere carbonizzato in un campo nel napoletano: fermato il fratello per omicidio

 

 

 

 

voleva 300mila euro dall’assicurazione per scappare in Asia