Napoli, 12enne con una chiave conficcata in testa: è accaduto in una rissa dopo il calcetto

Napoli, 12enne con una chiave conficcata in testa: è accaduto in una rissa dopo il calcetto

Gli sfottò tra coetanei sono ben presto degenerati. La situazione clinica è sotto stretta osservazione


NAPOLI – Era uscito di casa per andare a giocare una partita a pallone, ma si è ritrovato in ospedale con una chiave conficcata in testa. Come ricostruito da ilmattino.it, l’episodio di violenza di cui è rimasto vittima un dodicenne napoletano si è consumato sul campetto del parco pubblico «Salvatore Costantino» nel cuore del Rione Traiano dove, mercoledì pomeriggio, un litigio tra ragazzini si è trasformato in tragedia. Gli sfottò scambiati a vicenda tra due minorenni sono poi sfociati in una violenza senza senso. Il 12enne, ora ricoverato al Santobono, è stato colpito alle spalle: gli è stata appunto conficcata una chiave in testa.

Il 12enne è stato dapprima portato al vicino ospedale San Paolo, poi trasferito al Santobono dove è stato operato. Al momento non sarebbe in pericolo di vita anche se la situazione è strettamente monitorata dai medici per eventuali complicazioni. La chiave, una di quelle usato per gli scooter, è arrivata al tessuto cerebrale dopo aver superato le ossa della testa.