Napoli, aveva un internet point ma faceva scommesse illegali: scatta il sequestro

Napoli, aveva un internet point ma faceva scommesse illegali: scatta il sequestro

Denunciato il titolare, un 25enne napoletano


NAPOLI – Giovedì gli agenti del Commissariato Poggioreale, con il supporto di personale dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli di Stato-Ufficio Antifrode, durante un servizio volto al contrasto del gioco illegale e alla verifica del divieto di esercizio delle attività di gioco, hanno effettuato un controllo ad un internet point in via Nuova Poggioreale.

Gli agenti hanno identificato il titolare ed hanno riscontrato  la presenza di diverse apparecchiature informatiche accertando che due di esse erano adibite alla raccolta fisica di scommesse mediante l’utilizzo di conti di gioco intestati a terzi. In particolare, il titolare utilizzava i conti gioco intestati ad altre persone per raccogliere abusivamente le scommesse dagli avventori all’interno del locale, realizzando un’illegittima intermediazione nella raccolta delle scommesse.

Nel corso dell’attività, inoltre, gli agenti hanno accertato che altre 5 postazioni informatiche erano messe a disposizione degli avventori per consentire il collegamento preindirizzato a piattaforme di gioco. Gli operatori hanno sequestrato 2 postazioni pc utilizzate dal titolare per la raccolta di scommesse, 2 stampanti termiche e la somma di 2180 euro e numerose ricevute di gioco; 5 pc sono stati altresì sottoposti a sequestro amministrativo poiché privi delle autorizzazioni,  degli attestati di conformità alle disposizioni vigenti e non collegati alla rete telematica dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli di Stato.

Il titolare, un 25enne napoletano, è stato denunciato per  l’esercizio abusivo di attività di giuoco o di scommessa e sanzionato poiché svolgeva l’attività non rispettando la normativa che vieta l’esercizio di gioco nei pressi di luoghi sensibili e di culto.

COMUNICATO STAMPA