Napoli, ragazzini sorpresi a rompere i faretti della metro: nei guai un 14enne e un 11enne

Napoli, ragazzini sorpresi a rompere i faretti della metro: nei guai un 14enne e un 11enne

Nei guai anche una 44enne per furto perché sorpresa in un noto negozio di abbigliamento di via Scarlatti con merce che non aveva pagato per un valore di 300 euro


NAPOLI – Servizio a largo raggio per i Carabinieri della Compagnia Vomero che hanno setacciato le strade del Vomero, di Chiaiano e di San Carlo Arena. 15 le persone denunciate a piede libero e 7 gli assuntori di droga segnalati alla Prefettura. Sono 139 le persone che i militari hanno identificato e 46 i mezzi controllati.
Durante la serata che si è protratta fino alle luci dell’alba i carabinieri hanno denunciato a piede libero un 44enne di Secondigliano già noto alle forze dell’ordine che si aggirava con la sua auto nelle strade del centro con un cacciavite dalla punta alterata e un grimaldello. Una donna napoletana di 44 anni è stata denunciata per furto perché sorpresa in un noto negozio di abbigliamento di via Scarlatti con merce che non aveva pagato per un valore di 300 euro. Un autista è stato denunciato perché non aveva mai conseguito la patente di guida. Sono 8 i parcheggiatori abusivi recidivi nel biennio che sono stati denunciati a piede libero. Controlli anche agli esercizi commerciali dove un ristoratore di un locale a via Merlaini è stato denunciato perché all’interno dell’attività è stato trovato un lavoratore in nero. Per lui anche violazioni con multe che superano i 6mila euro.
A via Cilea i Carabinieri hanno denunciato il titolare di un fast food dove sono stati sequestrati 7 chili di alimenti in cattivo stato di conservazione.

Ma ha quasi dell’incredibile invece cosa è avvenuto alla stazione metro di Scampia. I Carabinieri hanno sorpreso e denunciato un ragazzino di Scampia nato nel 2008 e un suo amico del rione Don Guanella classe 2011 che si divertivano a danneggiare con due martelletti frangi-vetro (di quelli che si trovano sui mezzi pubblici) i faretti inseriti nel marciapiede all’ingresso della stazione. Sono stati affidati ai rispettivi genitori.