Non si accorge dei carabinieri che lo stanno pedinando e si mette a spacciare cocaina: in manette

Non si accorge dei carabinieri che lo stanno pedinando e si mette a spacciare cocaina: in manette

L’umo ha tentato di giustificarsi dicendo che la droga era per uso personale ma non sapeva che i carabinieri avevano visto quando aveva ceduto una dose ad un cliente


VICO EQUENSE – Siamo a Vico Equense, in località Arola, dove i Carabinieri della locale stazione hanno disposto un servizio ad hoc volto al contrasto dello spaccio di droga. I militari sanno che da qualche giorno molti “clienti” vanno da quelle parti per vivere momenti caratterizzati da una illecita spensieratezza. Un uomo, a bordo di un’auto, percorre via Raffaele Bosco e i carabinieri lo conoscono. Più volte lo avevano visto nelle settimane passate a Marina di Vico mentre si intratteneva con altre persone nei pressi dei locali del posto.

Parte il monitoraggio e l’uomo si ferma nel parcheggio difronte la scuola elementare, i militari attendono e osservano a debita distanza. Arriva un’altra auto con all’interno un uomo e anche lui è un volto conosciuto, è un “vecchio” assuntore del posto. I due scendono dall’auto, si salutano e si vengono incontro. Avviene la cessione per poi salire sulle rispettive auto e allontanarsi.

Una pattuglia blocca il pusher mentre un’altra gazzella ferma il cliente. In possesso del pusher 2 dosi di cocaina nascoste in un pacchetto di sigarette, la terza dose nelle dell’acquirente. L’arrestato – si tratta di Luigi Servillo, 51enne di Boscoreale già noto alle forze dell’ordine – dirà che quella droga fosse per uso personale ma non sapeva che anche il suo cliente era stato appena fermato da altri carabinieri e che la cessione da poco avvenuta era stata osservata attentamente. Il 51enne è in attesa di giudizio.

COMUNICATO STAMPA