Scomparso durante un’escursione, Antimo ritrovato senza vita in un burrone dopo ore di ricerche

Scomparso durante un’escursione, Antimo ritrovato senza vita in un burrone dopo ore di ricerche

Probabilmente aveva perso l’equilibrio mentre percorreva uno dei sentieri per raccogliere gli asparagi


CASERTA – Un uomo è stato ritrovato senza vita in fondo ad un burrone sul monte Tifata, nel comune di Sant’Angelo in Formis (Caserta), si tratta di Antimo Iannotta, residente del posto. Il corpo del 76enne è stato recuperato dopo un lungo lavoro da parte dei Vigili del Fuoco, probabilmente aveva perso l’equilibrio mentre percorreva uno dei sentieri per raccogliere gli asparagi.

Diverse ore prima i familiari ne avevano denunciato la scomparsa e per molto tempo tutta la comunità casertana era rimasta col fiato sospeso. Secondo le ricostruzioni, la vittima, originario di Santa Maria Capua Vetere, era uscito da solo di mattina diretto proprio verso i boschi del monte Tifata. Non vedendolo tornare e non riuscendo a rintracciarlo, la famiglia aveva lanciato l’allarme.

Le forze dell’ordine avevano trovato l’auto di Iannotta nei pressi della montagna, regolarmente parcheggiata e chiusa, non c’era però nessuna traccia dell’uomo. Le ricerche sono andate avanti per 4 ore, alla fine il corpo è stato ritrovato in un burrone, in una zona difficile da raggiungere. Ma all’arrivo dei soccorsi Antimo era già morto, probabilmente deceduto sul colpo a causa dell’impatto. Il corpo è stato recuperato e restituito alla famiglia.