Torre del Greco, Nunzio torna a casa: “Sta meglio ma è molto provato”

Torre del Greco, Nunzio torna a casa: “Sta meglio ma è molto provato”

Il giovane ha lasciato l’ospedale per volontà dei familiari che hanno firmato le dimissioni poiché le sue condizioni erano migliorate


TORRE DEL GRECO – Torna a casa Nunzio Abbruzzese, il 19enne di Torre del Greco rimasto ferito al luna Park nella tragica serata in cui Giovanni Guarino è stato ucciso a coltellate. Il giovane, ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Maresca fin dalle 23 di domenica scorsa, è stato rilasciato per volontà dei familiari che hanno firmato le dimissioni poiché le sue condizioni erano migliorate. Colpito anche lui da un fendente all’addome, all’altezza del cuore ma non letale come quello che ha raggiunto in loco il povero Giovanni,  Nunzio nei giorni scorsi ha subìto un delicato intervento chirurgico e i medici hanno voluto tenerlo sotto osservazione vista la gravità delle condizioni. Come riportato da Il Mattino

In quella folle serata in cui Giovanni è stato ucciso e per il cui omicidio sono indagati due 15enni di Torre Annunziata, Nunzio suo amico di sempre era con lui ed altri amici della comitiva di “quelli della Parrocchia” di Torre del Greco. Quelli che purtroppo si sono scontrati con “quelli dell’altra Torre” con cui non corre buon sangue da sempre per ragioni campanilistiche. Per uno sguardo di troppo, per una ragazza, per una parola “non gradita”, la dinamica è ancora tutta da chiarire dagli inquirenti, i due ragazzi sono stati accoltellati brutalmente. Se Giovanni è morto quasi subito, Nunzio dopo ore drammatiche adesso sta meglio. E forse è la prima nota positiva in questa allucinante storia.