Dramma in vacanza, bimbo di 4 anni precipita dalle scale e muore: inutili i soccorsi

Dramma in vacanza, bimbo di 4 anni precipita dalle scale e muore: inutili i soccorsi

Le stanze e i luoghi interessati da quanto è accaduto sono stati posti sotto sequestro


PECCIOLI (PISA) – Era in vacanza con la mamma, il papà e il fratellino più piccolo dei suoi già pochi quattro anni. Ma quelli che dovevano essere giorni spensierati come quelli che meritano tutti i bambini si sono trasformati in una tragedia. Il piccolo è caduto dalle scale e ha urtato contro una grossa bottiglia, una vecchia damigiana di vetro, che si è rotta ferendolo così gravemente da rendere inutili i soccorsi. I tagli al collo e alla gola lo hanno dissanguato in breve tempo. È successo nel primo pomeriggio a Peccioli, in provincia di Pisa, dove una famiglia tedesca era arrivata per passare qualche giorno in un agriturismo.

Dalle prime informazioni sembrerebbe che il piccolo si sarebbe alzato dal lettino nel quale stava dormendo e si sarebbe messo a giocare da solo sulle scale. Poi forse un attimo di disattenzione, la perdita di equilibrio per la camminata incerta e la rovinosa caduta per le scale. Quando i genitori, che si trovavano in un’altra stanza, hanno sentito il rumore e il pianto del figlio sono corsi da lui e disperati hanno chiamato i soccorsi. Il piccolo ha quasi subito perso conoscenza e smesso di respirare. Letale per lui non è stata la caduta dalle scale, come immaginato in un primo momento, ma i profondi tagli al collo che si è procurato cadendo su una damigiana in vetro posta sui gradini delle scale: la grossa bottiglia, di vetro spesso, si è rotta e alcuni cocci aguzzi hanno ferito il collo del piccolo provocando una gravissima emorragia. Una tragica fatalità che ha causato la morte-

I sanitari, secondo quanto riporta il Gazzettino,  si sono precipitati sul posto, un’auto medica dal paesino e una della Misericordia di Terricciola. Uno dei medici, avendo compreso la gravità della situazione, ha richiesto l’intervento dell’elisoccorso con il Pegaso 2 per trasportare il bambino all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Quando però l’elicottero è arrivato a Peccioli, il piccolo era già morto, nonostante i numerosi tentativi per rianimarlo anche con trasfusioni di sangue. Sul luogo della tragedia sono arrivati i carabinieri che adesso dovranno ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente e che intanto hanno informato l’autorità giudiziaria. Le stanze e i luoghi interessati da quanto è accaduto sono stati posti sotto sequestro. Il corpo del piccolo è stato portato alla medicina legale per gli accertamenti del caso.