Napoli, choc allo studio: medico non vuole prescrivere dei farmaci e viene preso a schiaffi dal paziente

Napoli, choc allo studio: medico non vuole prescrivere dei farmaci e viene preso a schiaffi dal paziente

Borrelli: “Aggressione vile e inaccettabile. Solidarietà alla vittima.


NAPOLI – “L’ennesima vile aggressione registrata ieri a Napoli, in uno studio medico di Fuorigrotta,  ai danni di un medico che si era rifiutato di prescrivere alcune ricette a un suo paziente è molto più di un campanello d’allarme sulle proibitive condizioni nelle quali medici, infermieri e guardie giurate sono costretti a operare.

Il bruto di turno anche questa volta ha ritenuto ‘ovvio’ colpire il suo medico come sempre più spesso accade nelle strutture pubbliche e private della città e della provincia. Esprimo piena solidarietà alla vittima che ha riportato un trauma cranio-facciale, iperemia e gonfiore dello zigomo e della regione temporale sinistra e, al tempo stesso, ritengo oramai indifferibile l’adozione di pene esemplari nei confronti di chi aggredisce il personale sanitario in servizio causando l’interruzione di servizi essenziali per tutta la comunità.

Continuiamo a chiedere presìdi fissi delle forze dell’ordine presso i pronto soccorso, telecamere a bordo delle ambulanze del 118 e condanne severe per gli aggressori che non possono farla sempre franca tornando subito in libertà”. Queste le parole del consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha commentato l’episodio denunciato dall’associazione ‘Medici senza carriere’.

COMUNICATO STAMPA