Napoli, minacciato con la pistola e rapinato di un Rolex: arrestati in due

Napoli, minacciato con la pistola e rapinato di un Rolex: arrestati in due

L’uomo era fermo nel traffico quando è stato avvicinato dai malviventi, che sono stati identificati grazie ad un poliziotto fuori sevizio che aveva segnato il numero di targa degli scooter


NAPOLI – Nella mattinata odierna personale della Polizia di Stato di Napoli ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di B.M., di 43 anni, e B.M., 18 anni, ritenuti gravemente indiziati dei delitti di concorso in rapina, con le aggravanti di essersi avvalsi, per commettere il reato, di minori di anni diciotto, partecipando con gli stessi alla rapina, e di aver commesso il delitto con una pistola, travisati con caschi e in riunione tra loro.

Il 25 aprile u.s. un automobilista, mentre a bordo della propria auto era fermo nel traffico cittadino in piazza Nicola Amore, veniva affiancato da quattro soggetti a bordo di tre scooter, uno dei quali, minacciandolo con una pistola, si faceva consegnare un orologio Rolex “replica”, una collana ed un bracciale in oro. Nella circostanza, mentre i rapinatori si davano a precipitosa fuga, sopraggiungeva un agente della Polizia di Stato libero dal servizio che riusciva ad annotare le cifre della targa dei loro motoveicoli.

A seguito di un’attività d’indagine, incentrata sull’analisi degli impianti di videosorveglianza e dei sistemi di lettura targhe presenti sul territorio cittadino, sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza a carico dei due indagati. Presso l’abitazione di B.M.,  a seguito di perquisizione domiciliare, è stata recuperata la refurtiva successivamente restituita all’avente diritto.