Pozzuoli, il 118 risponde alle accuse dopo la morte del dott. Pepe: “Soccorsi tempestivi”

Pozzuoli, il 118 risponde alle accuse dopo la morte del dott. Pepe: “Soccorsi tempestivi”

Il medico si era sentito male ed è deceduto ieri sera durante una cena nel comune flegreo. Gli operatori sanitari hanno risposto a chi ha parlato di ritardi nel tentativo di salvataggio


POZZUOLI –  Ieri sera, dopo una cena a Pozzuoli, è morto il medico Benedetto Pepe, coordinatore nazionale della Suaes, Sindacato Autonomo urgenza Emergenza Sanitaria. Un infarto lo ha stroncato a Pozzuoli mentre cenava con alcuni colleghi in un ristorante della zona.
“Ci uniamo al dolore della famiglia e lo ricordiamo come un grande professionista – si legge – Qualche testata giornalistica ha attribuito un ritardo della ambulanza, ci preme precisare che i mezzi di soccorso intervenuti (ambulanza ed automedica) hanno raggiunto il target abbondantemente nei tempi previsti dai LEA. Purtroppo la dispercezione temporale in momenti di panico è molto frequente . Nessuna polemica dinanzi alla morte!
Resta il dolore per la perdita di un validissimo collega”.