Sparatoria Qualiano, il sindaco: “La città parte lesa, subito attentato che non rispecchia nostra quotidianità”

Sparatoria Qualiano, il sindaco: “La città parte lesa, subito attentato che non rispecchia nostra quotidianità”

Il primo cittadino è intervenuto dopo i gravi accadimenti dello scorso sabato: “Qualiano territorio di cultura e contrasto alla criminalità”


QUALIANO – La sparatoria avvenuta a Qualiano, al bar Nirvana Spritz, lo scorso sabato sera per opera di  Marco Bevilacqua e nella quale sono rimasti feriti quattro ragazzi, ha lasciato letteralmente sconvolti i cittadini qualianesi, che dopo i gravi accadimenti si chiedono se le strade del territorio possano dirsi sicure per i giovani. A proposito di questo è intervenuto alla nostra redazione il sindaco di Qualiano, Raffaele De Leonardis.

Sparatoria a Qualiano, le parole del sindaco

“La città è sicuramente sconvolta, ma è parte lesa in questa situazione perchè abbiamo subito un attentato che non rispecchia affatto la quotidianità della nostra città – ha esordito il primo cittadino – Qualiano è un territorio in cui si sta cercando di fare cultura attraverso diversi eventi che anche in questa settimana si sono tenuti in città, è un territorio in cui si parla di legalità, non a caso questa settimana abbiamo ospitato il parroco anti camorra Don Maurizio Patriciello ed il Colonnello Biagio Chiarielo, comandante della Polizia Municipale, finito sotto scorta per la sua azione quotidiana di contrasto alla camorra”.

LEGGI ANCHE

Qualiano, i dettagli della sparatoria: Bevilacqua ha inseguito Di Palma fino a nei pressi del comune