Vaiolo scimmie, Costa: “Italia ha già oltre 5mln di dosi di vaccino”

Vaiolo scimmie, Costa: “Italia ha già oltre 5mln di dosi di vaccino”

“Nessuna emergenza, 40% popolazione coperta da antivaiolo. Situazione da monitorare”, ha dichiarato Costa


ITALIA – “L’Istituto superiore di sanità ha dichiarato che abbiamo già la disponibilità di oltre 5 milioni di dosi” di vaccino antivaiolo, “quindi siamo preparati eventualmente nel procedere qualora ve ne fosse la necessità”. Lo ha affermato a Rainews24 il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.  “Sul vaiolo delle scimmie dobbiamo dire con chiarezza che non siamo di fronte a un’emergenza.

Siamo di fronte ad una situazione che deve essere attenzionata e monitorata: la malattia non è paragonabile al Covid e non colpisce tutta la popolazione perchè chi è stato vaccinato contro il vaiolo, circa il 40% della popolazione, ha già una protezione indicativamente dell’85%. Quindi è uno scenario diverso che deve essere monitorato. Il nostro governo sta monitorando – ha spiegato Costa – anche attraverso una task force istituita all’Istituto superiore di sanità e in collaborazione con le Regioni e l’Ue”.

COVID, ‘OBIETTIVO INIZIO NUOVO ANNO SENZA MASCHERINE A SCUOLA
“L’obiettivo che non possiamo fallire è quello di ricominciare il nuovo anno scolastico non solo in presenza ma senza mascherina”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, a Rainews24. Oggi, ha sottolineato Costa, “fortunatamente i contagi scendono perchè siamo di fronte ad una popolazione che per il 92% è vaccinata. Contestualmente c’è anche l’allentamento delle misure restrittive, ma questo è stato possibile grazie al piano di vaccinazione e alla responsabilità dei cittadini che hanno aderito alla campagna vaccinale”. Quanto alla scuola, ha detto, “ritengo che ci siano le condizioni per togliere le mascherine durante le attività didattiche, ma il governo ha sensibilità diverse. Questa non credo sia una scelta prettamente scientifica ma è più una interpretazione politica. Ha prevalso questa linea di tenere le mascherine ma ormai siamo agli sgoccioli dell’anno scolastico e l’obiettivo che non possiamo permetterci di fallire è ricominciare il nuovo anno scolastico non solo in presenza ma senza le mascherine”.

COVID, ‘POSSIBILE NUOVA ONDATA OTTOBRE MA SIAMO PRONTI’
 “E’ possibile che ad ottobre ci sia una nuova recrudescenza del virus SarsCoV2 ma oggi rispetto a un anno fa lo scenario è cambiato e oggi la gran parte dei nostri cittadini ha comunque una protezione derivante dal vaccino. Dobbiamo ovviamente continuare con prudenza e senso di responsabilità e farci trovare pronti nell’eventualità ci fosse bisogno di un nuovo intervento sulla campagna vaccinale o su altre misure e mi pare che questi due anni di gestione del Covid ci abbiano dato quella esperienza che ci permette di affrontare il futuro con una serenità maggiore”.