Bimba di 4 anni caduta dal balcone: parla Lorenzo, il giovane che l’ha presa al volo

Bimba di 4 anni caduta dal balcone: parla Lorenzo, il giovane che l’ha presa al volo

TREVISO – Incredibile e miracoloso episodio a lieto fine ieri pomeriggio – 20 giugno – a Treviso: una bambina di 4 anni


TREVISO – Incredibile e miracoloso episodio a lieto fine ieri pomeriggio – 20 giugno – a Treviso: una bambina di 4 anni che stava giocando sul balcone di casa, al secondo piano di una palazzina, si è sporta troppo ed è caduta di sotto. E’ stata salvata – miracolosamente –  da Lorenzo Tassoni che passava di lì per caso e che l’ha presa letteralmente al volo.

” Non sono un eroe, la cosa importante è che la piccola stia bene”, queste le parole del 28enne. Lorenzo, come riportato da Trevisotoday,  stava andando a ritirare la bici che aveva lasciato in un’officina a riparare, a causa della foratura ad una ruota, quando ha visto una bimba di quattro anni, di origini tunisine, aggrappata ad un balcone, al secondo piano di una casa, lungo via Sant’Antonino. La piccola è precipitata nel vuoto e gli è miracolosamente finita tra le braccia: se non ci fosse stato Lorenzo ad afferrarla, non avrebbe avuto scampo. E’ rimasta miracolosamente illesa.

IL RACCONTO 

” Verso le 4 del pomeriggio ho portato la bicicletta a far riparare perché mi si era bucata una ruota, alle 5 sono tornato verso il negozio di bici e ad un certo punto ho sentito dietro di me un oggetto che è caduto – racconta Lorenzo – mi sono girato e ho visto un tablet per terra con lo schermo infranto”. D’istinto l’uomo ha alzato lo sguardo verso l’alto e ha fatto la tremenda scoperta.

“Ho visto la bambina appesa dal terrazzo del secondo piano, sono sbiancato e sono corso subito in modo da mettermi perpendicolare sotto di lei, con le braccia protese in avanti -spiega- l’unica cosa che ricordo di aver detto, forse urlato, è “ti prego, ti prego no”. La bambina non ha urlato però piangeva, distrutta anche lei in volto, ha mollato la presa, è caduta a piombo e per fortuna ha battuto contro il primo terrazzo perché ha attutito un po’ la caduta, è come se fosse rimbalzata e io sono riuscito a prenderla appena dopo. Mi è praticamente caduta tra le braccia, in avanti”.

IL SOSPIRO DI SOLLIEVO 

Dopo la grande paura la bimba ha subito fatto intendere di essere in buone condizioni. «Poi l’ho messa in piedi, la bambina stava piangendo, mi si è divincolata, è andata verso il tablet e mi ha detto che si era rotto” dice Lorenzo “è come se si fosse dispiaciuta di più per il tablet rotto che per quello che le era successo: una scena assurda. I genitori non erano in casa, è uscita una sorta di baby sitter e me l’ha presa tra le mani. Io ho detto “Chiamo il 118″ ma lei ha risposto di no, che secondo lei non serviva, ed è poi scappata di sopra”. In via Sant’Antonino sono intervenuti sia gli agenti delle volanti della polizia che gli infermieri del Suem 118 che hanno visitato sul posto la piccola, rimasta del tutto illesa. “I genitori sono arrivati quando l’ambulanza era già la: prima il padre in macchina che mi ha abbracciato appena ha visto che la figlia stava bene e poi la madre qualche minuto dopo, in bicicletta -continua Lorenzo- quando ha visto i sanitari con la bambina si è buttata dalla bicicletta, divincolandosi; era sotto choc, poi si è calmata quando ha visto che andava tutto bene”.

LEGGI ANCHE

“Miracolo” in strada: bimba di 4 anni cade dal balcone, presa al volo da un passante

 

 

 

FONTE: TREVISOTODAY