Bonus centri estivi 2022, pubblicato il bando dall’Inps: a chi spetta e tutti gli importi

Bonus centri estivi 2022, pubblicato il bando dall’Inps: a chi spetta e tutti gli importi

Cifre e come presentare la domanda; tutte le informazioni


NAZIONALE – Bonus centri estivi 2022, è stato pubblicato dall’Inps il bando di concorso per l’assegnazione di contributi a titolo di rimborso spese per la partecipazione. In particolare, il bando individua tre tipologie di soggetti: il titolare del diritto ossia il dipendente e il pensionato della Pubblica amministrazione iscritto alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali; il pensionato utente della Gestione dipendenti pubblici ivi compresi i titolari di pensione indiretta o di reversibilità.

Il beneficiario è il giovane destinatario della prestazione, figlio o orfano del titolare del diritto e suoi equiparati spiega Studio Cataldi. Sono equiparati ai figli, i giovani regolarmente affidati. Sono equiparati agli orfani, i figli di titolare riconosciuto permanentemente inabile a qualsiasi attività lavorativa. I contributi sono riservati a minori di età compresa tra i 3 e i 14 anni.

E, infine, il richiedente, ovvero colui che presenta la domanda di partecipazione al concorso, è individuato tra i seguenti soggetti: il titolare del diritto in qualità di genitore del beneficiario; il coniuge del titolare, in caso di titolare deceduto e senza diritto alla pensione di reversibilità del coniuge stesso, in qualità di “genitore superstite” e il coniuge del titolare decaduto dalla responsabilità genitoriale, in qualità di “genitore richiedente”; l’altro genitore, ancorché non coniugato con il titolare del diritto, in caso di decesso di quest’ultimo o in caso di titolare del diritto decaduto dalla responsabilità genitoriale; il tutore del figlio o dell’orfano del titolare del diritto.

Bando centri estivi, importo

Obiettivo del bando è offrire a minori di età compresa tra i 3 e i 14 anni la possibilità di fruire di centri estivi in Italia, durante la stagione estiva 2022 (nei mesi di giugno, luglio, agosto, e fino al 10 settembre 2022). L’Inps, in particolare, riconosce un contributo a totale o parziale copertura del costo sostenuto per la partecipazione a un centro estivo diurno in Italia, nelle mensilità indicate, della durata da un minima di una settimana (cinque giorni) a un massimo di quattro settimane (20 giorni) anche non consecutive, organizzato da un unico fornitore – che abbia le prescritte autorizzazioni di legge allo svolgimento delle attività – scelto dal richiedente la prestazione, che comprenda almeno le spese connesse alle attività ludico-ricreative-sportive previste, le spese di vitto (merende e pranzo), eventuali gite, e quant’altro previsto nel programma del centro estivo medesimo, nonché le previste coperture assicurative. Il soggiorno deve essere finalizzato alla gestione costruttiva del tempo libero dei giovani ospiti in costanza della interruzione estiva delle attività scolastiche.

Come presentare la domanda

Come chiarisce il bando, il titolare, qualora il beneficiario non sia presente nelle banche dati INPS, deve iscrivere il beneficiario al Programma “Accesso ai servizi di Welfare” che consente la presentazione della domanda in modalità semplificata per tutte le prestazioni welfare. Dopo 5 giorni lavorativi, a seguito dell’iscrizione, il titolare può presentare domanda di partecipazione.

Per l’iscrizione nel Programma “Accesso ai servizi di Welfare” e per la presentazione della domanda è necessario da parte del soggetto richiedente il possesso di uno dei sistemi di autenticazione (SPID, CIE, CNS). La domanda di partecipazione deve essere presentata dal titolare esclusivamente online, pena l’improcedibilità della stessa, secondo le seguenti modalità: digitare nel motore di ricerca del sito Inps le parole “Centri estivi” e cliccare sulla scheda prestazione “Centri estivi: contributi per minori fino a 14 anni”;