Emanuele, Giuseppe e Marco: 3 giovani morti in 13 giorni a Giugliano. È emergenza incidenti

Emanuele, Giuseppe e Marco: 3 giovani morti in 13 giorni a Giugliano. È emergenza incidenti

Tre giovani vittime e numerosi feriti in pochi giorni accendono i riflettori sulla questione sicurezza stradale


GIUGLIANO IN CAMPANIA – Tre morti nel giro di pochi giorni, tre giovani vite spezzate in altrettanti tragici scontri sull’asfalto delle strade giuglianesi. La popolosa città a nord di Napoli ha dovuto piangere prima Emanuele Svolazzo 21 anni di Giugliano, morto il 30 maggio dopo uno schianto sul suo scooter in via Manzoni. Poi Giuseppe Capodanno, giuglianese della stessa età, deceduto lo scorso venerdì dopo un incidente sull’asse mediano e, proprio questa mattina, un altro ragazzo, Marco Merone, 25enne di Pozzuoli, mentre si prega per una ragazza di 18 anni in gravi condizioni. Altri 3 giovani sono rimasti feriti, nell’impatto verificatosi a Licola, ma non verserebbero in gravi condizioni.

EMERGENZA INCIDENTI

Tre tragici incidenti in soli 13 giorni che accendono i riflettori sulla sicurezza stradale e su quella degli incidenti che sta diventando una vera e propria emergenza. Diverse le possibili cause da analizzare. Si va dalle condizioni delle arterie cittadine, alle infrazoni infrazioni stradali commesse dagli automobilisti compresi gli eccessi di velocità, ma anche e soprattutto all’utilizzo del cellulare. Proprio l’uso dello smartphone alla guida, pessima abitudine anche tra i più grandi d’età, è una pericolosissima distrazione per i giovanissimi ed una delle cause maggiori di incidenti in tutta Italia.

Giugliano, grave incidente in via Manzoni: morto ragazzo di 21 anni

Tragico schianto nella notte a Giugliano: Giuseppe muore a 21 anni, ferite altre tre ragazze

Giugliano, tragico impatto tra 2 auto: Marco muore a 25 anni, ci sono altri 4 feriti