Giugliano, il Volo dell’Angelo diventa patrimonio immateriale della Regione Campania

Giugliano, il Volo dell’Angelo diventa patrimonio immateriale della Regione Campania

Accolta la richiesta dell’amministrazione guidata dal sindaco Nicola Pirozzi


GIUGLIANO –  Il Volo dell’Angelo di Giugliano è stato inserito nell’IPIC, Inventario del Patrimionio Culturale Immateriale Campano. Un importante riconoscimento che arriva proprio durante i festeggiamenti in onore della Madonna della Pace, in onore della quale quest’anno è tornato il tradizionale “Volo” che quattro bambine in altrettanti turni effettuano su piazza Annunziata vestite da angeli.

Nel registro dell’IPIC sono inserite manifestazioni di rilievo regionale, viene così riconosciuta l’importanza di carattere sociale e culturale del Volo dell’Angelo giuglianese.

Prima di concedere tale riconoscimento, però, la Regione Campania si è voluta assicurare che fossero garantiti la sicurezza dell’evento ed il rispetto dei diritti dei minori coinvolti. L’amministrazione ha quindi inviato tutte le relazioni tecniche necessarie a soddisfare tali richieste, illustrando con dovizia di particolari lo svolgimento delle operazioni sotto la supervisione di professionisti specializzati, la
scrupolosa osservanza di tutte le norme vigenti con l’autorizzazione delle autorità di pubblica sicurezza e la totale libertà per le bambine di poter rinunciare all’esibizione qualora lo stato d'animo non fosse adeguato.

La commissione giudicante ha valutato positivamente l'istanza proposta dal Comune di Giugliano, ed ha perciò inserito il Volo dell’Angelo nel registro dell’IPIC.

Il sindaco Nicola Pirozzi ha così commentato: “lo avevamo promesso e ci siamo riusciti. La festa della Pentecoste e il Volo dell’Angelo da oggi, come richiesto dalla mia amministrazione, fanno parte dell’Inventario del patrimonio immateriale della Regione Campania (Ipic) e noi siamo soddisfatti di un altro importante risultato raggiunto per la città.

Un ringraziamento va al dott. Antonio Pio Iannone presidente dell’Associazione Archivi Giuglianesi e al dott. Mimmo Savino presidente della Pro Loco Giugliano per la collaborazione nel reperire la documentazione storica necessaria ed indispensabile per la presentazione della domanda”.

COMUNICATO STAMPA