Lite in strada sfocia nel sangue, uomo accoltellato e ritrovato in fin di vita: arrestato l’aggressore

Lite in strada sfocia nel sangue, uomo accoltellato e ritrovato in fin di vita: arrestato l’aggressore

A ritrovarlo riverso a terra privo di sensi, gli agenti a seguito di una segnalazione


La Polizia di Stato di Caserta, nella scorsa nottata, ha proceduto all’arresto di un cittadino italiano di 59 anni per il reato di tentato omicidio ai danni di un uomo di nazionalità ucraina.

In seguito alla segnalazione pervenuta intorno alla mezzanotte su linea di emergenza 113 di una violenta lite in area periferica della città di Caserta, personale della Squadra Volante della Questura interveniva sul posto accertando la presenza di un cittadino ucraino riverso a terra privo di sensi, sottoposto alle prime cure del personale del 118 a causa delle profonde ferite al braccio e al petto inferte con arma da taglio. A causa della gravità delle lesioni, il malcapitato veniva trasportato d’urgenza presso l’ospedale di Caserta in gravi condizioni, ove tuttora rimane ricoverato in prognosi riservata ed in pericolo di vita.

In seguito agli accertamenti condotti dagli operatori della Squadra Volante, grazie alle evidenze di alcune tracce, si ricostruiva quanto immediatamente prima successo, individuando i motivi del litigio tra il malcapitato e l’uomo di nazionalità italiana in pregressi dissapori familiari. I due, incontratisi casualmente per strada nella tarda serata, iniziavano una violenta lite, sfociata nel ferimento con un coltello del cittadino ucraino. L’intervento in ausilio degli investigatori della Squadra Mobile ed i rilievi del personale della Polizia Scientifica consentivano di cristallizzare quanto accertato; nel corso degli accertamenti veniva anche rinvenuto in un cestino dell’immondizia il coltello utilizzato per causare le lesioni. Il sospettato, pertanto, veniva dichiarato in stato di arresto per il reato di tentato omicidio, informando della misura adottata l’Autorità Giudiziaria nella persona del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. L’arrestato veniva associato presso la Casa Circondariale di Santa Maria C.V., in attesa del giudizio di convalida.