Qualiano, ha confessato Bevilacqua: “Volevo solo difendermi, nessuna vendetta”

Qualiano, ha confessato Bevilacqua: “Volevo solo difendermi, nessuna vendetta”

Entro domattina è prevista l’emissione di una ordinanza di custodia cautelare


NAPOLI – La conferma arriva dal carcere di Poggioreale, Bevilaqua ha confessato di aver sparato sabato sera in pieno centro a Qualiano. Lo ha ammesso ma ha anche precisato che ha puntato l’arma verso il basso e di averlo fatto solo per paura di essere nuovamente aggredito e non perchè voleva vendicarsi. Queste le sue parole davanti al Gip di Napoli Nord Vera Iaselli.

Il gip di Napoli Nord Vera Iaselli ha convalidato il fermo di polizia giudiziaria emesso dai carabinieri di Giugliano in Campania nei confronti Marco Bevilacqua, il 37enne preso dai carabinieri poche ore dopo un agguato durante il quale ha esploso sei colpi colpi di pistola calibro 9 nei confronti di un gruppo di giovani avventori di un bar di Qualiano, in provincia di Napoli. A causa del raid sono rimasti feriti quattro giovani, uno dei quali ricoverato ancora in condizioni critiche.

A Bevilacqua, difeso dall’avvocato Nunzio Mallardo, viene contestato il tentato omicidio dei quattro giovani e la rapina aggravata, con un coltello, della pistola usata per l’agguato, sottratta a un vigilante. La convalida è giunta al termine dell’interrogatorio di garanzia durante il quale il 37enne ha risposto alle domande degli inquirenti. Entro domattina è prevista l’emissione di una ordinanza di custodia cautelare nei suoi confronti.