Uccisa dal marito, i dettagli: colpita ben 30 volte con un coltello

Uccisa dal marito, i dettagli: colpita ben 30 volte con un coltello

In casa gli agenti hanno trovato anche alcuni proiettili per una sorta di pistola artigianale


RIMINI – Emergono nuovi dettagli sul caso di Cristina Peroni, la 33enne uccisa dal compagno sabato a Rimini. Simone Benedetto Vultaggio, 47 anni, avrebbe sferrato circa 30 coltellate, di cui una alla giugulare, risultata fatale per la donna. Sono stati disposti i test tossicologici sull’uomo, per capire se fosse o meno sotto l’effetto di qualche sostanza quando ha ucciso la convivente, con il figlio di sei mesi nella stanza accanto. Il mattarello trovato sul luogo del delitto, e considerato inizialmente come l’arma letale, sarebbe dunque servito solo a stordire la donna.

Finora Vultaggio non ha confessato: le sue uniche dichiarazioni sono state solo quelle date ai vicini di casa, subito dopo il delitto, in cui rassicurava che al figlio non aveva fatto del male; oltre a quelle fatte alla polizia, a cui avrebbe detto che la donna “non me lo faceva prendere in braccio”. In casa gli agenti hanno trovato anche alcuni proiettili per una sorta di pistola artigianale.