Va a fare un bagno in piscina e lascia il cane in auto: animale morto dopo ore al caldo

Va a fare un bagno in piscina e lascia il cane in auto: animale morto dopo ore al caldo

I vigili, vedendo l’animale agonizzante nell’abitacolo, hanno rotto il finestrino con un estintore ed estratto il cane spruzzandogli acqua sul muso per cercare di abbassargli la temperatura, ma ormai era troppo tardi


VERONA – E’ andata a farsi tranquillamente un bagno rinfrescante in piscina ma ha pensato bene di lasciare il suo cane in auto. L’animale – un Rhodesian Ridgeback – è morto per l’alta temperatura raggiunta nell’abitacolo. Circa 50 gradi. I fatti sono avvenuti nel pomeriggio di ieri, 27 giugno, presso le piscine cittadine Santini a Verona. Gli agenti della polizia municipale, interventi intorno alle 18 dopo una segnalazione ricevuta da un passante: “C’è un cane chiuso in auto” nel parcheggio pubblico antistante il centro natatorio.

I vigili, vedendo l’animale agonizzante nell’abitacolo, hanno rotto il finestrino con un estintore ed estratto il cane spruzzandogli acqua sul muso per cercare di abbassargli la temperatura, ma ormai era troppo tardi. Il cane è morto tra le braccia di un agente pochi istanti dopo. Basti pensare che già in pieno pomeriggio  la temperatura esterna era 36 gradi, quella interna all’auto ha così raggiunto circa i 50 gradi, senza lasciare scampo al cane.

Nel frattempo era stato diramato con l’altoparlante interno alla Santini il numero di targa dell’auto con l’avviso ai proprietari di recarsi all’ingresso. All’ingresso delle piscine è spuntata una donna di 30 anni che rendendosi conto di quello che aveva commesso è scoppiata in lacrime, e ha anche rischiato di essere linciata da altri avventori che nel frattempo si erano radunati attorno al povero animale.