Bimbo morto a Sharm, oggi l’ultimo saluto. Il sacerdote: “Voi genitori non sentitevi in colpa”

Bimbo morto a Sharm, oggi l’ultimo saluto. Il sacerdote: “Voi genitori non sentitevi in colpa”

“Avete un bambino che sta per nascere, e dategli tanto amore”, ha detto il sacerdote ai genitori


SICILIA – Oggi è stato il giorno del dolore, l’ultimo saluto al piccolo Andrea, in tanti si sono stretti questa mattina durante il rito funebre intorno a mamma Rosalia e a papà Antonio. Un dolore immenso e inspiegabile che ancora oggi non trova risposta.

IL FUNERALE 

Una folla composta e ancora stordita dal dolore, mamma e papà dietro alla bara bianca del proprio bambino. Campane e lacrime. L’abbraccio del sindaco Lagalla. Momenti di profondo raccoglimento davanti al piazzale della chiesa di San Basilio, a Palermo, per l’ultimo saluto ad Andrea Mirabile, morto a soli 7 anni mentre era in vacanza in un resort di  Sharm El sheikh con i suoi genitori. La bara bianca di Andrea è stata accolta con un religioso silenzio dalla folla. Dietro al feretro c’erano i due genitori, storditi ancora dal dramma avvenuto in un momento in cui la famiglia stava trascorrendo qualche giorno di serenità. Ad abbracciare i due genitori anche il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, che ha voluto essere presente al funerale questa mattina.

L’OMELIA

I sacerdoti, durante l’omelia, hanno rivolto un pensiero ai genitori: “Avete un bambino che sta per nascere, e dategli tanto amore. Non sentitevi in colpa”.

“Non verrà mai meno in voi la presenza di Dio – questo peso che la vita vi ha messo addosso vi accompagnerà per sempre, non potrete mai dimenticare Andrea. Un peso che non dovrete portare da soli. Portatemi sempre con voi, vi dice Andrea”, hanno detto i sacerdoti.

“Auspichiamo che la giustizia umana faccia il proprio corso ma noi pretendiamo la verità. Ieri sera a conclusione della processione cittadina di Santa Rosalia il vescovo dinnanzi alle autorità civili e militari e al popolo ha parlato di Andrea ha parlato di voi e la piazza ha fatto sentire a tutti un applauso scrosciante per Andrea e per la vostra famiglia. Ieri sera ci siamo tutti commossi.”, ha detto il sacerdote Giuseppe Di Giovanni che conosce la famiglia da anni. A questo punto anche nella chiesa di san Basilio tutti hanno iniziato ad applaudire.

IL NOME DELLA SORELLINA SCELTO DA ANDREA 

“Poi voglio parlare della bimba che sta per nascere, Silvia – ha concluso Di Giovanni – Mi avete detto che Andrea ha scelto il nome di Silvia. Sappiamo che il nome di Andrea è scritto già in cielo e Silvia con la sua vita parlerà di Andrea e il cielo esulta di gioia per Andrea e per Silvia che nascerà”.