Blitz della finanza in Campania, frode fiscale e fatture false: arrestato un imprenditore

Blitz della finanza in Campania, frode fiscale e fatture false: arrestato un imprenditore

Il reato sarebbe stato realizzato sfruttando delle società missing trader per l’acquisto di merce non imponibile ai fini dell’IVA


CAMPANIA – E’ accaduto nelle prime ore di questa mattina, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Salerno, dove la Guardia di Finanza ha eseguito, tra le province di Salerno e Avellino, un’ordinanza di custodia cautelare che ha portato agli arresti domiciliari Vincenzo Cirillo, accusato di aver compiuto frode fiscale verificata nel settore della commercializzazione di prodotti informatici e telefonici.

Le indagini

Secondo la ricostruzione delle Fiamme Gialle del Gruppo di Salerno l’indagato, residente in Bulgaria, è risultato nei fatti vivere stabilmente a Scafati (SA). L’uomo è da ritenersi l’ ideatore e promotore di un sistema illegale che ha consentito, attraverso l’emissione di fatture per operazioni inesistenti (per l’ammontare di oltre 25 milioni di euro), un’evasione fiscale di circa 6 milioni e mezzo di euro. La frode sarebbe stata realizzata sfruttando delle società di missing trader per l’acquisto di merce non imponibile ai fini dell’IVA che poteva essere poi rivenduta sul territorio nazionale applicando tariffe molto più vantaggiose della media, consentendo un ingente guadagno. Il G.I.P. ha dunque emesso un provvedimento di sequestro preventivo, finalizzando la confisca di tutti i beni delle società interessate.