Choc ad Aversa, botte da orbi tra prete e fedele: l’offerta era troppo bassa

Choc ad Aversa, botte da orbi tra prete e fedele: l’offerta era troppo bassa

L’uomo, dopo essere stato picchiato dal consacrato, è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso


AVERSA – Se le sono date di santa ragione all’esterno della chiesa dopo aver celebrato un funerale. Protagonisti della vicenda, un sacerdote di Aversa ed un fedele parente del defunto.

I fatti risalgono a martedì mattina, quando, al termine della funzione per un funerale, il parente del defunto si è recato in sacrestia per lasciare una donazione. Venticinque euro. Secondo quanto racconta la vittima, l’offerta sarebbe stata giudicata troppo bassa dal prete, che non ha mancato di farglielo notare. L’uomo avrebbe risposto che «non c’è nessun obbligo» e – lasciando i soldi sul tavolo – si sarebbe allontanato.

È a questo punto che il parroco, forse offeso da tale atteggiamento, secondo quanto riporta La Rampa sarebbe uscito in strada e, una volta raggiunto il fedele, ne sarebbe nata una rissa. Ad avere la peggio, proprio il fedele che dopo è stato trasportato in ospedale per farsi medicare. Secondo la Curia si sarebbe trattato solo di un alterco, ma il cittadino è comunque andato in ospedale per farsi refertare, intenzionato a denunciare il prete sia per l’aggressione sia per la richiesta di denaro.