Ischia, turista muore di legionellosi: aperta un’inchiesta

Ischia, turista muore di legionellosi: aperta un’inchiesta

Ucciso dal batterio in cinque giorni


CREMONA/ISCHIA – Turista cremonese morta per  legionellosi dopo una vacanza ad Ischia. L’ uomo è deceduto dopo cinque di ricovero a causa delle conseguenze di una legionellosi, che potrebbe aver contratto nel corso di una vacanza sull’isola d’Ischia.

L’uomo era stato ricoverato in un ospedale di Brescia e poi al Maggiore di Cremona. Gli è dunque stata fatale la malattia respiratoria di origine batterica: l’infezione da legionellosi avviene attraverso inalazione di gocce d’acqua, contenenti i batteri.

LE PAROLE AZIENDA SANITARIA 

Sul caso, che preoccupa l’isola d’Ischia, è intervenuta anche l’Asl Napoli 2 Nord su segnalazione dell’Azienda Sanitaria di Cremona, che ha avviato le indagini di rito per quanto di propria competenza, congiuntamente all’Arpa Campania. “Al momento – si legge in una nota – sono già stati effettuati i campionamenti utili a verificare l’eventuale presenza del batterio della legionella nella struttura in cui ha risieduto il paziente. Come da prassi, per poter individuare la probabile origine dell’infezione occorrerebbe effettuare i campionamenti in tutti i luoghi di residenza e anche sui mezzi di trasporto utilizzati dal paziente nel tragitto che lo ha portato da Cremona fino a di Ischia e viceversa”.

Al contempo l’Azienda Sanitaria Napoli 2 Nord sottolinea che “mediante il proprio Dipartimento di Prevenzione, effettua in modo continuo i controlli sulle strutture ricettive presenti sul proprio territorio, al fine di individuare eventuali rischi sanitari”.