Moglie e figlia picchiate, minacciate e umiliate: dopo 30 anni arriva il divieto di avvicinamento

Moglie e figlia picchiate, minacciate e umiliate: dopo 30 anni arriva il divieto di avvicinamento

L’uomo è gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia commesso a partire dal 1993 fino ad oggi


BENEVENTO – Violenze, per quasi trenta anni, sulla moglie e sulla figlia anche quando questa era minorenne. Botte, minacce, umiliazioni. Tutto è emerso nel corso di una indagine che è ancora in corso e che ha portato al divieto di avvicinamento per un uomo nel Sannio.

Secondo quanto accertato da una indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, e condotta dal personale della Squadra Mobile, l’uomo è gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia commesso a partire dal 1993 fino ad oggi, anche nei confronti della figlia che, all’epoca dei fatti, era minorenne e anche quando quest’ultima era in tenera età. Le gravi violenze verbali e fisiche, nonché le umiliazioni, le offese e le percosse generate anche da futili motivi, sono state reiterate negli anni ai danni di entrambe e si sono acuite gravemente quando la moglie ha deciso di lasciarlo.

FONTE ANSA