Frana il tunnel della banda del buco, uomo salvato resta in ospedale: peggiorano le sue condizioni

Frana il tunnel della banda del buco, uomo salvato resta in ospedale: peggiorano le sue condizioni

Doveva essere dimesso ieri ma resta al San Camillo in prognosi riservata


ROMA – Peggiorano le condizioni di A.G., il romano di 34 anni che che ieri è stato messo in salvo dopo essere rimasto bloccato in un cunicolo in via Innocenzo XI, a Roma, ad una profondità di circa sei metri. L’uomo, che non è piantonato, non sarebbe comunque in pericolo di vita.

Sulla vicenda, per la quale sono in corso indagini, c’è il forte sospetto che possa trattarsi di un tentativo di scavare un tunnel per un furto nello stile di una banda del buco. Dato il peggioramento delle condizioni, a causa di una sindrome da schiacciamento, la prognosi resta riservata. Il 34enne è ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma, è vigile ma non avrebbe parlato con nessuno.

Tornano liberi le due persone arrestate ieri in via Innocenzo XI a Roma nell’ambito della vicenda sulla presunta banda del buco. Al termine del processo per direttissima il giudice ha convalidato l’arresto non applicando la misura cautelare a carico dei due. Fissato il processo al prossimo 20 dicembre.

“Stavamo passando in macchina per caso e abbiamo visto un ragazzo che chiedeva aiuto e quando abbiamo visto il tunnel abbiamo avuto paura e ce ne siamo andati via”. E’ quanto hanno raccontato nel corso dell’udienza per direttissima.

LEGGI ANCHE

Frana il tunnel della banda del buco, oggi le dimissioni dell’uomo salvato