Giugliano, arrestata dopo rapine in gioielleria, evade dai domiciliari per protestare per i detenuti

Giugliano, arrestata dopo rapine in gioielleria, evade dai domiciliari per protestare per i detenuti

La sua permanenza in carcere tuttavia è durata solo qualche giorno, la corte d’Appello ha infatti accolto la richiesta dell’avvocato e ha scarcerato la ragazza


GIUGLIANO – Rita Pirozzi, giovane di Giugliano, ha violato i domiciliari per prendere parte ad una protesta in favore dei diritti dei detenuti, è stata arrestata ma poi subito rimessa in libertà. La ragazza è accusata di aver commesso una serie di rapine ai danni di diverse gioiellerie in tutta Italia, in particolare tra Avezzano, Cerignola e Follonica, che le hanno fruttato un bottino di oltre trecentomila euro.

Nonostante le fosse vietato allontanarsi dal proprio domicilio, ha comunque partecipato alla protesta pacifica, svoltasi fuori il carcere di Secondigliano, organizzata dal garante dei detenuti. Poco dopo, essendo stata scoperta, è arrivata l’ordinanza da parte degli agenti del commissariato di Giugliano – Villaricca, di aggravamento del reato con trasferimento dell’imputata al carcere di Pozzuoli.

La sua permanenza in carcere tuttavia è durata solo qualche giorno, la corte d’Appello ha infatti accolto la richiesta dell’avvocato Luigi Poziello del Foro di Napoli Nord, e ha scarcerato la ragazza. Concedendole quindi di poter tornare agli arresti domiciliari nel comune di Giugliano.