La Regione revoca il finanziamento alla Circumlago di Giugliano. Ragosta: “Sono arrabbiato. Tre anni di lavoro buttati al vento”

La Regione revoca il finanziamento alla Circumlago di Giugliano. Ragosta: “Sono arrabbiato. Tre anni di lavoro buttati al vento”

Persi 8 milioni di euro che avrebbero contribuito al rilancio dell’intera zona. Ragosta: “Col sindaco Nicola Pirozzi sin da subito chiederó spiegazioni”


La Regione Campania, clamorosamente, ha avviato il procedimento di revoca del finanziamento relativo alla Circumlago di Giugliano. A rivelarlo è Rosario Ragosta, attuale consigliere comunale di Giugliano e consigliere metropolitano nell’era De Magistris. Proprio da consigliere metropolitano con delega al Lago Patria, Ragosta era riuscito ad ottenere il finanziamento quando sembrava ormai perso. Un progetto avveniristico con tanto di pista ciclabile che avrebbe contribuito al rilancio di tutta la zona della fascia costiera giuglianese.

Le parole di Rosario Ragosta

Sono rammaricato. Arrabbiato. Ho impiegato mesi di duro lavoro durante la mia esperienza in “Città metropolitana” per recuperare i fondi destinati alla Circumlago. Mi sono battuto, ho passato settimane, mesi, per rimettere tutto in piedi, seguendo in “Città metropolitana” e in Regione ogni atto, ogni singola scadenza, ogni singolo chiarimento da fornire in Regione. Il risultato? Progetto finanziato e soldi recuperati.

Poi mi sono candidato per continuare a seguire tutto il lavoro messo in piedi negli anni scorsi ma purtroppo non sono stato premiato. Non sono stato eletto lasciando ad altri una eredità importante da portare avanti.

Oggi, purtroppo, apprendo tra il silenzio di tutti che la Regione ha avviato il procedimento di revoca del finanziamento relativo alla Circumlago di Giugliano in quanto, da ciò che emerge, di quel procedimento se ne sono dimenticati.

Una pessima notizia che fa andare in fumo tutto il mio lavoro. Col sindaco Nicola Pirozzi sin da subito chiederó spiegazioni non solo per individuare le responsabilità dell’ennesimo furto ai danni della nostra città ma soprattutto per capire se ci sono le condizioni per recuperare quei fondi.

Non vorrei essere io a dirlo ma questo accade quando la politica nelle scelte non ha lungimiranza e capacità di valorizzare il nostro territorio e quanto di buono riusciamo a costruire. Questa notizia mi rattrista più della mia mancata elezione in “Cittá metropolitana”. Tre anni di lavoro buttati al vento!