Napoli, Samuele lanciato dal balcone di casa dal domestico: chiesti 18 anni

Napoli, Samuele lanciato dal balcone di casa dal domestico: chiesti 18 anni

Il bimbo di 4 anni fu lasciato cadere nel vuoto, dal balcone della casa in via Foria dove il bombo abitava con i genitori, lo scorso 17 settembre a Napoli


NAPOLI – Omicidio piccolo Samuele: chiesti 18 anni di reclusione per Mariano Cannio. Questa la decisione di Barbara Aprea della Procura di Napoli.

Il bimbo di 4 anni fu lasciato cadere nel vuoto, dal balcone della casa in via Foria dove il bombo abitava con i genitori, lo scorso 17 settembre a Napoli. L’uomo,  ritenuto bipolare e schizofrenico ma riconosciuto capace di intendere e volere, si arrangiava ogni giorno prestandosi come uomo delle pulizie, e lo faceva da un po’ di tempo anche a casa dei genitori di Samuele.  Il processo si sta definendo dinanzi al giudice per le indagini preliminari, Nicoletta Campanaro del Tribunale di Napoli, con le modalità del rito abbreviato.