Pretende dai genitori i soldi per il gioco, al rifiuto li picchia e minaccia di morte: arrestato 43enne

Pretende dai genitori i soldi per il gioco, al rifiuto li picchia e minaccia di morte: arrestato 43enne

Le vittime hanno chiamato i carabinieri e chiesto aiuto


PORTICI – Trenta euro sarebbero bastati per placare la sua violenza e soddisfare la sua ludopatia. Trenta euro per tornare a respirare senza affanno, senza subire l’ennesima violenza, l’ennesimo insulto. L’ennesima minaccia di morte.
Questa volta i genitori di un 43enne di Portici hanno detto di “no”. Lo hanno fatto fermamente e hanno anche allertato il 112. Non l’avevano mai fatto ma la situazione iniziava ad essere fuori controllo. Il 43enne, già noto alle forze dell’ordine, aveva preteso 30 euro per le “sigarette” ma i genitori sapevano che sarebbero serviti per assecondare la sua dipendenza dal gioco. Almeno per il momento. Al rifiuto di mamma e papà, 74 e 78 anni, l’uomo ha afferrato un appendiabiti e ha tentato di colpirli. Le vittime hanno chiamato i carabinieri e chiesto aiuto. I militari della locale stazione ci hanno messo poco ad arrivare. Hanno bloccato il 43enne e lo hanno portato in carcere, in attesa di giudizio.