Ristorante utilizzato come base per organizzare attività criminali: chiuso per 60 giorni

Ristorante utilizzato come base per organizzare attività criminali: chiuso per 60 giorni

All’interno del locale due persone con le armi


TORRE ANNUNZIATA – Il Questore di Napoli, su proposta della Legione Carabinieri Campania – Compagnia di Torre Annunziata – Nucleo Operativo e Radiomobile – Sezione Operativa, ha disposto la sospensione per 60 giorni dell’attività di un ristorante in via Vittorio Veneto a Torre Annunziata. In particolare, il 12 aprile scorso, i militari della Compagnia Carabinieri di Torre Annunziata e i finanzieri del Gruppo Operativo Antidroga della Guardia di Finanza di Napoli, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, avevano arrestato, all’interno del locale, due soggetti, uno dei quali trovato in possesso di 6,6 kg circa di cocaina, una pistola cal.9×21, con matricola punzonata e completa di caricatore con 10 cartucce, e altre 61 cartucce, di cui 38 a salve. Gli operatori, inoltre, hanno accertato che l’uomo aveva utilizzato il ristorante come base logistica delle sue attività criminose e che la titolare non aveva adottato le misure idonee ad impedire l’impiego illecito dei locali compresi nel proprio esercizio commerciale. Il provvedimento è dunque finalizzato a scongiurare un concreto pericolo per l’ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini.