Romeo ucciso a 11 anni mentre attraversava la strada: i genitori donano gli organi del bimbo napoletano

Romeo ucciso a 11 anni mentre attraversava la strada: i genitori donano gli organi del bimbo napoletano

La Procura di Latina potrebbe nelle prossime ore iscrivere nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio stradale aggravato il 18enne alla guida dell’automobile, risultato positivo al test della droga


TERRACINA/NAPOLI – Una vera tragedia quella successa nella tarda serata di venerdì 5 agosto, una scena che nessuna mamma dovrebbe vivere davanti ai suoi occhi: Romeo ucciso a 11 anni mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali. I genitori hanno deciso di donare gli organi della piccola vittima, intanto la magistratura continua ad indagare. La Procura di Latina potrebbe nelle prossime ore iscrivere nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio stradale aggravato il 18enne alla guida dell’automobile, risultato positivo al test della droga.

Romeo Golia, orfano di padre, si trovava con la mamma e le sue zie stava attraversando la strada sulle strisce pedonali, a Terracina, lì dove l’Appia costeggia la spiaggia tra il Pisco Montano e il mare. Il ragazzino è stato travolto da una macchina che sfrecciava a tutto gas ed è volato sull’asfalto. Dodici ore dopo è morto in un letto del Bambino Gesù, a Roma, dove era stato trasferito nel disperato tentativo di salvargli la vita. Alla guida dell’auto un ragazzo di Fondi, 18 anni compiuti da poco, i testimoni che hanno assistito alla scena hanno aggredito e quasi linciato il giovane, “salvato” solo dall’intervento delle forze dell’ordine

 

.