Turisti scambiano ombrellone clochard per un punto ristoro a Napoli: “Il problema va risolto”

Turisti scambiano ombrellone clochard per un punto ristoro a Napoli: “Il problema va risolto”

“Da qualche giorno tra le baracche di tela e cartone apparso anche un ombrellone. Da lontano sembra un punto ristoro”


NAPOLI – “Riportiamo, per l’ennesima volta, alla Vostra attenzione Istituzionale il persistere dello stato di degrado presente sulle aiuole del Maschio Angioino. Da qualche giorno, inoltre, è apparso, tra le baracche di tela e cartone, anche un ombrellone.

Nella mail l’associazione (di volontariato culturale per la promozione dell’informazione visiva solidale e no profit) ha allegato anche delle foto, formato cartolina, scattate la mattina dello scorso 22 agosto. “E’ dal mese di marzo che segnaliamo il problema, – spiega Antonio Alfano – il 30 maggio abbiamo inviato anche una pec al Ministro Franceschini. Mai una risposta, nè da lui nè dal Comune. Ovviamente il problema non sono i clochard che cercano solo un posto dove vivere e che aprono l’ombrellone solo per ripararsi dal cocente sole estivo, ma lo stato di abbandono in cui versano a causa della mancanza di alternative”.