Alessandro si toglie la vita a 13 anni, Gragnano si ferma per l’ultimo saluto: anche due ragazze indagate

Alessandro si toglie la vita a 13 anni, Gragnano si ferma per l’ultimo saluto: anche due ragazze indagate

I primi ad arrivare sono stati alcuni ragazzi, compagni di gioco nella squadra di basket di Alessandro. Dinanzi alla chiesa c’è già una corona di fiori bianchi dei commercianti


GRAGNANO – La città di Gragnano oggi si ferma per dare l’ultimo saluto ad Alessandro, il ragazzo 13enne precipitato giovedì scorso dalla finestra della sua abitazione.

Piazza San Leone, dove si affaccia l’antica chiesa di Sant’Agostino, con l’attiguo chiostro dove alle 11 saranno celebrati i funerali, già si sta affollando di persone che vogliono essere vicine alla famiglia del 13enne, che potrebbe essere vittima del cyberbullismo.

I primi ad arrivare sono stati alcuni ragazzi, compagni di gioco nella squadra di basket di Alessandro. Dinanzi alla chiesa c’è già una corona di fiori bianchi dei commercianti.

Intanto procedono le indagini per chiarire cosa abbia spinto Alessandro a compiere il gesto estremo, sono sei al momento i ragazzi indagati per istigazione al suicidio che, secondo quanto emerso dalle chat del 13enne, l’avrebbero più volte minacciato. Gli indagati avrebbero tutti legami familiari tra loro: due nuclei di fratelli, due da un lato, tre dall’altro, solo il più giovane sarebbe un amico. Indagate anche due ragazze: una pare che sia l’ex fidanzatina di Alessandro e sembra che ci sia proprio lei a “capo” del gruppo.