Casa abusiva a Bacoli, Cassazione: “Non ci sono più i limiti del lockdown, verrà abbattuta”

Casa abusiva a Bacoli, Cassazione: “Non ci sono più i limiti del lockdown, verrà abbattuta”

Respinto il ricorso di una donna 54enne di Pozzuoli che ha invocato il Covid per non rispettare l’ordine di abbattere la casa delle vacanze, costruita senza permesso


cantieri abusivismo vesuvio blitz denunce carabinieri san giuseppe vesuvianocantieri abusivismo vesuvio blitz denunce carabinieri san giuseppe vesuviano

BACOLI/POZZUOLI/ROMA – Non ci sono più i motivi legati al lockdown per la pandemia Covid-19 a fermare gli ordini di demolizione delle abitazioni abusivamente costruite, e gli abbattimenti possono riprendere.

Lo sottolinea la Cassazione avvertendo che “non sussistono allo stato ragioni ostative all’operatività della sanzione amministrativa accessoria” – la demolizione a carico del proprietario – alle condanne penali per abusi edilizi.

Lo scrivono gli ‘ermellini’ nel verdetto che ha respinto il ricorso di una donna 54enne di Pozzuoli che ha invocato il Covid per non rispettare l’ordine di abbattere la casa delle vacanze costruita a Bacoli senza permesso.

IMMAGINE DI REPERTORIO