Elezioni, Antonio Dell’Aquila chiude la campagna elettorale a Giugliano: più di mille persone al Toma Beach

Elezioni, Antonio Dell’Aquila chiude la campagna elettorale a Giugliano: più di mille persone al Toma Beach

Dell’Aquila è il capolista al Senato di Noi Moderati, formazione centrista in appoggio al centrodestra


GIUGLIANO – Più di mille persone ieri all’evento di chiusura di campagna elettorale di Antonio Dell’Aquila, candidato capolista al Senato con Noi Moderati. Una festa più che un evento politico che si è tenuta al Toma Beach di Licola, su quel territorio giuglianese sempre caro e prioritario nell’agenda politica del candidato.

Una serata che ha visto la partecipazione anche di altri candidati del centrodestra come Elena Scarlato Marianna Quaranta che hanno voluto portare il proprio saluto all’avvocato penalista giuglianese e non hanno fatto mancare parole di apprezzamento per Dell’Aquila: “Una persona seria e competente, senza possibilità di smentita”, ha detto di lui la Scarlato, candidata al Senato per Fratelli d’Italia.

Folta la partecipazione dei cittadini giuglianesi, che sembrano finalmente essersi scrollati di dosso le influenze politiche provenienti dai paesi confinanti che per tanto tempo hanno segnato il destino della città. Oggi – a detta dei tanti presenti – con Dell’Aquila, si rivedono in un progetto comune che possa fare tornare protagonista nelle decisioni la terza città della Campania e non più subire quelle scelte che l’hanno fatta diventare la soluzione ad ogni emergenza in Campania.

Dell’Aquila guida il listino di Noi Moderati, formazione centrista in appoggio al centrodestra. È al primo posto del listino e se il partito supererà la clausola di sbarramento, sarà suo il seggio a palazzo Madama. La partita è aperta ed è tutta da giocare contro big del calibro di Berlusconi, Renzi, Franceschini e la Bonino.

Dell’Aquila, capolista al Senato: “Bisogna andare a votare se si vogliono cambiare le sorti dell’Italia”

Elezioni nel collegio Giugliano, Antonio Dell’Aquila capolista al Senato: “Nei moderati approdo naturale”