Il tribunale dell’Ue ha confermato la condanna e la multa da 4,1 miliardi a Google

Il tribunale dell’Ue ha confermato la condanna e la multa da 4,1 miliardi a Google

Google ha imposto restrizioni illegali ai produttori di dispositivi mobili Android e agli operatori di reti mobili al fine di consolidare la posizione dominante del suo motore di ricerca


NAZIONALE –  Il Tribunale Ue ha confermato oggi la decisione con la quale la Commissione ha stabilito che Google ha imposto restrizioni illegali ai produttori di dispositivi mobili Android e agli operatori di reti mobili al fine di consolidare la posizione dominante del suo motore di ricerca.

Lo stesso Tribunale ha confermato anche la multa da 4,125 miliardi di euro inflitta alla società da Bruxelles.