Lite tra detenuti in carcere nel casertano: gamba fratturata per un agente

Lite tra detenuti in carcere nel casertano: gamba fratturata per un agente

L’agente era intervenuto, pur trovandosi da solo in quel momento, per placare uno scontro violento


NEL CASERTANO – Interviene in una lite tra due detenuti e ‘rimedia’ una frattura alla gamba: è successo ieri pomeriggio a un agente della Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere casertano di Santa Maria Capua Vetere. A rendere noto l’ennesimo episodio di violenza, accaduto nel reparto Danubbio, che ospita i carcerati in isolamento, è il vice presidente del Con. Si. Pe. Luciano Martiniello.

“A causa della cronica mancanza di personale – commenta Luigi Castaldo, segretario regionale campano dell’Asppe, confederata con la Con. Si. Pe. – spesso accade che in alcune carceri ci sia anche un solo poliziotto in servizio per due piani. Apprezziamo l’iniziativa del capo del Dap – aggiunge Castaldo – di inviare i reparti mobili per sopperire alle carenze di personale ma riteniamo sia ormai improcrastinabile una tempestiva integrazione d’organico, anche destinando ai reparti detentivi gli agenti in servizio negli uffici”.