4 consigli per risparmiare se hai uno studio professionale

4 consigli per risparmiare se hai uno studio professionale

A causa della crisi economica i prezzi di moltissimi beni o servizi sono attualmente alle stelle e quello degli uffici è uno dei settori che più risente di tale aumento dei prezzi


Sei un libero professionista ed hai uno studio professionale? Soprattutto in questo periodo, possiamo solo immaginare che i tuoi costi saranno aumentati notevolmente.

Infatti, a causa della crisi economica, i prezzi di moltissimi beni o servizi sono attualmente alle stelle e quello degli uffici è uno dei settori che più risente di tale aumento dei prezzi.

Sicuramente un libero professionista, per ridurre i costi, può decidere di lavorare presso la sua abitazione, ma questa non è certo una soluzione che può essere mantenuta nel lungo periodo.

Infatti, è importante scoprire se ci sono alcuni modi per risparmiare se sei in possesso di uno studio professionale. Vediamo subito di cosa si tratta.

#1: Scegli il lavoro da casa

Abbiamo affermato che andremo a vedere come risparmiare avendo uno studio professionale, ma vogliamo comunque prendere in considerazione tutte le diverse ipotesi.

Di conseguenza, partiamo dalla possibilità che ha un professionista di lavorare da casa, anche se la soluzione, come abbiamo sottolineato, può non essere sostenibile a lungo.

Tuttavia, si tratta sicuramente dell’alternativa più economica che, in un periodo di crisi come quello attuale, può rivelarsi la scelta giusta.

Alla fine, se hai la possibilità di lavorare da remoto, ti basterà solo un computer e una rete ad internet. Insomma, ci sono molti professionisti che che hanno scelto questa opzione per il periodo.

#2: Affitto ad uso promiscuo

Se non vuoi lavorare da casa tua o comunque stai valutando delle altre opzioni, partiamo subito a scoprire cosa potresti fare. Magari svolgi un’attività che richiede proprio la presenza di uno studio professionale, come nel caso di avvocati o architetti.

Ebbene, una possibile soluzione può essere data dall’affitto di uno spazio ad uso promiscuo che, per mezzo di un unico contratto, permette di risolvere due esigenze: lavorativa ed abitativa.

Se hai bisogno perlopiù di uno studio, puoi adibire una piccolissima parte dell’immobile ad abitazione, prediligendo la parte relativa allo studio o viceversa.

Attenzione: l’unico limite è dato dal fatto che il proprietario deve essere a conoscenza di ciò e che l’uso promiscuo dell’abitazione dev’essere riportato sul contratto.

#3: Co-working

Ci sono altre possibilità che i liberi professionisti possono sfruttare? Un’alternativa che oggi è molto in voga è quella del co-working.

Infatti, spesso lavorare da casa o in un’abitazione ad uso promiscuo porta a numerose distrazioni: figli che urlano, citofono che suona o quant’altro. Ebbene, alcune persone vogliono davvero stare in un ufficio.

E per risparmiare cosa si può fare? Il co-working può essere la soluzione giusta ed anche la più innovativa. Si tratta della possibilità di avere uno studio condiviso con altri professionisti che fanno appoggio su quella sede.

Tutto questo potrebbe portarti anche a nuove conoscenze e, forse, anche a nuove prospettive lavorative.

#4 Affitto di un ufficio in condivisione

Un’ultima opzione che puoi prendere in considerazione è quella di unirti con altri professionisti ed affittare un ufficio in condivisione. Tale alternativa dev’essere valutata attentamente in quanto, talvolta, può risultare anche più conveniente del co-working.

Ora che hai scoperto le 4 possibili soluzioni all’aumento dei costi in ufficio, possiamo fornirtene una quinta: risparmiare sulle tasse.

Per fare ciò, ti consigliamo di affidarti ad un consulente fiscale che potrà rispondere a tutti i tuoi dubbi.

Fiscozen si occupa proprio di questo, in più puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno.