Arrivano su barconi senza nessuna sicurezza: arresti in Italia per traffico di migranti

Arrivano su barconi senza nessuna sicurezza: arresti in Italia per traffico di migranti

Avevano trasportato nel territorio italiano 73 cittadini extracomunitari conducendoli dalle coste libiche verso le acque territoriali italiane a bordo di un sovraffollato barcone ed esponendoli a grave pericolo di vita


La Polizia di Stato, nei decorsi giorni, ha eseguito due fermi di indiziato di delitto per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina a carico di migranti sbarcati nell’isola di Lampedusa nella seconda metà del mese di agosto.

In particolare, dalle investigazioni è emerso che 8 migranti, di cui 3 egiziani e 5 sudanesi, avrebbero avuto delle responsabilità tali da determinare la Procura della Repubblica del Tribunale di Agrigento, guidata dal Procuratore FF Salvatore Vella, ad emettere altrettanti decreti di fermo di indiziato di delitto.

L’attività investigativa è stata avviata dalla Squadra Mobile di Agrigento, a seguito dello sbarco di 82 migranti avvenuto a Lampedusa il 17 agosto proseguendo, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, in altre sedi, allorquando i migranti del suddetto sbarco erano stati allocati in varie parti d’Italia.

In particolare, la Squadra Mobile di Napoli ha svolto numerose escussioni nei confronti di migranti presenti all’interno del territorio di propria competenza, grazie alle quali è stato ricostruito il viaggio in mare degli stessi ed identificati i membri dell’equipaggio incriminato attribuendo agli stessi il ruolo svolto da ciascuno.

Gli esiti dell’articolata attività investigativa compendiati nell’informativa di reato, a cura della Squadra Mobile di Agrigento, sono stati rassegnati al Sostituto Procuratore della Repubblica Giulia Sbocchia la quale ha ritenuto precisi e gravi gli elementi raccolti a carico di otto stranieri, di età compresa tra i 20 ed i 37 anni, i quali in concorso morale e materiale tra loro, in violazione delle norme previste dal Testo Unico dell’Immigrazione clandestina, avevano trasportato nel territorio italiano 73 cittadini extracomunitari, per lo più originari del Bangladesh, conducendoli dalle coste libiche verso le acque territoriali italiane, a bordo di un sovraffollato barcone di circa 12 mt ed esponendoli a grave pericolo di vita.

Nello specifico i migranti erano stati costretti a navigare in precarie condizioni di sicurezza, in quanto la traversata era avvenuta in assenza di dispositivi di salvataggio non forniti ai trasportati. Inoltre, è stato accertato che i c.d. scafisti avevano posto in essere tali condotte al fine di trarre un profitto anche indiretto.

Alcuni dei destinatari dei provvedimenti restrittivi sono stati fermati da personale della Squadra Mobile di Napoli ed i rispettivi provvedimenti sono stati successivamente convalidati dal competente GIP. Attualmente altri soggetti sono attivamente ricercati.