Caserta, la conferma del consigliere: “Una pista ciclabile al posto della ferrovia dismessa”

Caserta, la conferma del consigliere: “Una pista ciclabile al posto della ferrovia dismessa”

“Impegno verso l’approvazione di un PUC a consumo di suolo zero e verso un piano di mobilità sostenibile”


CASERTA – Un pista ciclabile al posto dei binari dove ora passano i treni della linea Caserta-Frasso Telesino, che entro il 2026 Ferrovie Dello Stato riconsegnerà ai Comuni vista l’entrata in funzione della Tav Napoli-Bari. Un’idea che già si era fatta strada e che viene oggi confermata, almeno per quanto riguarda il Comune di Caserta, dal consigliere comunale del movimento “Caserta Decide” Raffaele Giovine, che in Consiglio ha chiesto lumi all’assessore all’urbanistica Domenico Maietta, ricevendo conferme ufficiali sulla realizzazione della ciclovia.

“Nel 2018 – spiega Giovine – dal Comune di Caserta erano arrivate alla stampa ipotesi di conversione della strada ferrata in strada carrabile. L’Amministrazione oggi ha però smentito, rassicurando, come previsto da due delibere del 2020, la destinazione d’uso a pista ciclabile. Siamo soddisfatti del chiarimento dell’Assessore Maietta – sottolinea Giovine – in quanto noi di Caserta Decide vogliamo ribadire l’impegno verso l’approvazione di un PUC a consumo di suolo zero e verso un piano di mobilità sostenibile: l’asse ferroviario dismesso rappresenta in tal senso una grande opportunità per la creazione di un’importante pista ciclabile in una città iper cementificata e carente di ciclovie, che vada da San Clemente al centro storico”.