Madri e figlie aggredite da mariti e fratelli: arrestate 4 persone nel napoletano

Madri e figlie aggredite da mariti e fratelli: arrestate 4 persone nel napoletano

In una sola notte i Carabinieri sono intervenuti in quattro luoghi diversi del napoletano in seguito a segnalazioni di violenza familiare


NEL NAPOLETANO – Un’area di 1.171 chilometri quadrati e una notte, quella appena trascorsa, con 4 destini che si incrociano da un capo all’altra della provincia di Napoli e 2 elementi in comune: i maltrattamenti in famiglia e l’impegno dei Carabinieri.
Siamo a San Giuseppe Vesuviano e i Carabinieri ricevono una chiamata al 112. “Aiuto, ci sta inseguendo”. Una donna di 53 anni è a bordo della sua auto e con lei c’è la propria figlia 35enne. Entrambe hanno denunciato un uomo. E’suo marito, è suo padre, ha 64 anni e le sta inseguendo con un’altra auto. Gli attimi sono concitati a via Lavinaio II° Tratto e diventano terrore puro quando l’uomo riesce a raggiungere le sue vittime. Le sperona, le fa accostare e scende dall’auto. Madre e figlia vengono aggredite ma fortunatamente i carabinieri erano stati contattati e la gazzella interviene giusto in tempo per evitare che finisse in tragedia. L’uomo viene bloccato e arrestato. Le vittime se la sono cavata e solo la 35enne ha subìto una leggera escoriazione alla mano destra.

Violenza a Piscinola

A Napoli, nel quartiere Piscinola, i Carabinieri della stazione Napoli Marianella sono alle prese con una segnalazione al 112 che parla di “persona in stato di agitazione”. I militari raggiungono l’appartamento in questione dove vivono un 20enne e sua madre di 48 anni. Il ragazzo è agli arresti domiciliari e poco prima aveva minacciato e aggredito per denaro chi le aveva donato la vita. La vittima racconta ai Carabinieri mesi di aggressioni mai denunciate per paura o speranza che le cose potessero cambiare. Il 20enne viene arrestato e ora è in carcere in attesa di giudizio.

La segnalazione ad Arzano

In quelle ore un altro episodio di degrado familiare ma in un’altra abitazione. Ci troviamo ad Arzano e i Carabinieri della locale Tenenza devono accertarsi di quanto denunciato da una donna. La signora aveva segnalato le precarie condizioni in cui il suo ex marito faceva vivere il loro figlio minorenne. L’uomo è nell’appartamento e accoglie i militari con calci e pugni. I Carabinieri, con enorme difficoltà, bloccano l’uomo e lo arrestano. L’aggressore non avrà bisogno di cure mediche a differenza dei due Carabinieri che per le ferite riportate ne avranno per 5 giorni.

Infine Sant’Anastasia

Il terribile cerchio di violenza si chiude a Sant’Anastasia dove i Carabinieri della locale stazione arrestano per maltrattamenti e lesioni personali un 30enne del posto. Segnalazione anonima e richiesta di aiuto al 112. I Carabinieri intervengono nell’appartamento dove vivono i 2 figli con la propria madre. La signora ha 55 anni mentre i suoi due figli hanno 30 e 14 anni. Urla e schiamazzi attirano l’attenzione e ai militari basta poco per comprendere cosa sia avvenuto.
Il più grande dei figli ha aggredito violentemente sua madre per denaro. Ha picchiato anche suo fratello che tentava di difendere sua mamma. Li ha aggrediti e picchiati come già successo in passato e quegli attimi che sembrano ore avevano un simbolo: una doga in legno. I carabinieri appurano che il 30enne quando picchiava le due vittime lo faceva con quella doga e nel momento in cui la prendeva non c’era scampo. L’arma simbolo della vessazione e del dominio familiare è stata sequestrata mentre l’uomo ora è in carcere in attesa di giudizio. Le due vittime sono state soccorse dal personale del 118 intervenuto sul posto, ora stanno sicuramente meglio.