Mazzette per consentire scavi in zone vincolate: arrestati due vigili urbani e un imprenditore

Mazzette per consentire scavi in zone vincolate: arrestati due vigili urbani e un imprenditore

Secondo le indagini l’imprenditore corrispondeva cifre in denaro ai due vigili per centinaia di euro


NAPOLI – Due agenti della Polizia Municipale di Napoli, un uomo e una donna, il primo maresciallo l’altra assistente capo, sono stati arrestati, insieme con un noto imprenditore che ha vari negozi in città, dal Secondo Gruppo Napoli dalla Guardia di Finanza (coordinato dal tenente colonnello Dario Marano) che contesta, a vario titolo, agli indagati i reati di corruzione, falso in atto pubblico e ricettazione.

Le indagini

Per i tre il giudice per le indagini preliminari ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari. I vigili urbani sono accusati di avere intascato una “ma scavo in corso nel seminterrato dell’esercizio commerciale che si trova in una zona della città sottoposta a vincolo archeologico.
I fatti contestati risalirebbero al luglio del 2021. Dopo l’iscrizione dei due pubblici ufficiali nel registro degli indagati il vertice della Polizia Municipale di Napoli, il generale Ciro Esposito, ha disposto il trasferimento dei soggetti, peraltro anche “compagni” nella vita: i due vennero destinati alla guardiania dei veicoli, quindi ad un’attività interna al Corpo, in attesa dell’esito delle indagini.