Napoli, donna accompagna madre invalida al pronto soccorso del Cardarelli e dà in escandescenza

Napoli, donna accompagna madre invalida al pronto soccorso del Cardarelli e dà in escandescenza

Borrelli: “Atteggiamenti ingiustificabili, ospedali sempre più bersaglio di violenti e incivili”


NAPOLI – “Nel video realizzato all’interno del pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli di Napoli si vede una donna che, secondo quanto denunciato dall’associazione Nessuno tocchi Ippocrate, dopo aver accompagnato la madre invalida dà in escandescenza per i tempi d’attesa prendendosela violentemente con il personale presente. Come sottolineato dalla stessa associazione, la madre non è in barella né è stata assistita con flebo o ossigeno, dal che si deduce che si tratti di un codice verde e, come tale, non è prioritario.

La verità è che gli ospedali sono sempre più bersaglio di violenti e incivili che con modi inurbani cercano di prevaricare gli altri che attendono pazientemente il loro turno intimidendo, minacciando e aggredendo il personale sanitario e le guardie giurate. I pronto soccorso vanno migliorati ma non possono essere scambiati per ambulatori dove il personale medico viene costantemente aggredito e insultato. Negli ultimi mesi stiamo assistendo ai concorsi per nuove assunzioni nei pronto soccorso deserte a causa delle continue aggressioni.

Una situazione che rende sempre più difficile il lavoro dei sanitari e che può essere migliorata solo attraverso la presenza di drappelli fissi delle forze dell’ordine pronti a intervenire”. Questo il commento del consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto la segnalazione del video.

COMUNICATO STAMPA